Crea sito
DISUGUAGLIANZE SOCIALISOCIETÀ

GENDER GAP NEL MONDO

Guardiamo i dati. In Italia il pay gap c’è ma è più basso rispetto alla media, il che è positivo, peccato che ci sia un ma : la misurazione non tiene in nessun modo conto del tasso di occupazione e del titolo di studio, in più l’indice non distingue tra il settore privato e il settore pubblico.

Nel settore pubblico in Italia la presenza femminile è forte mentre nel privato c’è una forte disparità. Infatti, il gender gap nel pubblico scende sino al 4.4% nel privato sale al 17.9%, in nessun altro paese europeo è così netta la distinzione fra questi due settori, ciò può spiegare il posizionamento dell’Italia messo a confronto con altri paesi.

Se ci focalizziamo sulle donne con posizionamento CEO in Italia, la quota scende di 10 punti percentuali, 34% livello director,  30% vice presidente,  26% vice presidente senior. Nel livello più alto dal punto di vista lavorativo, C – suite , al giorno d’oggi fra donne e uomini, c’è una disparità del 79%.

In UK il 78% delle aziende pagano di più gli uomini rispetto alle donne, sopratutto nel settore della finanza. Una donna in Gran Bretagna ci mette 1 anno e mezzo in più degli uomini per raggiungere una carica importante.

In India la situazione precipita drasticamente , gli uomini vengono pagati il 46,19% in più delle donne. Il 95% delle donne lavora nel settore informale (in nero), senza benefici o garanzie, le donne contribuiscono solamente al 17% del PIL, uno dei dati più bassi al mondo, a fronte di un 37% di media mondiale.

Il Giappone presenta una situazione singolare che personalmente non mi sarei aspettata. Si trova al 110 posto su 149 come ranking mondiale per uguaglianza di salario, dietro Guatemala, India e Mauritius. Al 117 posto del ranking mondiale per pari opportunità lavorative ed economiche. Ciò si deve principalmente a barriere culturali e sociali che generano una discriminazione notevole nei confronti delle donne che vogliono progredire e fare carriera. Ovvio che non sia una scusa valida.

Questi dati dovrebbero farci riflettere, spero vi facciano riflettere. Nel 2020 questa è la panoramica che abbiamo di fronte a noi. Guardare dall’altra parte e far finta di nulla? Non è nel mio stile, spero non sia anche nel vostro

FONTI DATI E STATISTICHE :

Comments are closed.

0 %