Crea sito

DECISIONI ECONOMICHE EUROGRUPPO

Riassumiamo brevemente quando stabilito dal nostro “eurogruppo” per la ripresa economica a livello UE :

!) L’accordo è il risultato di un compromesso in cui gli elementi come gli “eurobond” richiesti tra gli altri da Italia e Spagna, non sono stati inclusi.

2) La novità principale è la possibilità di utilizzare gli aiuti forniti dal MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità, per effettuare spese sanitarie.

Ogni paese avrà diritto di chiedere un finanziamento pari al 2 per cento del proprio PIL.

3) La Banca Europea degli Investimenti potrà impiegare fino a 25 miliardi per generare 200 miliardi di euro in prestiti garantiti destinati alle piccole e medie imprese europee.

4) L’eurogruppo ha poi autorizzato il finanziamento del programma proposto dalla Commissione Europea per la creazione di una “cassa integrazione europea” con 100 miliardi di euro, ma sembra che questi soldi arriveranno in gran parte dal bilancio dell’Unione Europea: non saranno quindi soldi aggiuntivi, ma denaro già stanziato.

5) L’ultimo punto dell’accordo è la promessa di creare un fondo per la ripresa con cui investire nell’economia dell’eurozona dopo il termine della crisi.

Personalmente credo che questo accordo sia mediocre e abbia un basso impatto sull’economia a livello europeo e nazionale.

Nonostante ciò è sempre meglio rispetto a non avere nulla di pronto per la ripresa (che sarà durissima), continuo a sostenere la necessità di un rinnovamento della composizione a livello europeo e la necessità di un federalismo europeo.

Non è possibile che si vada avanti a piccoli passetti quando ci sono paesi come gli Stati Uniti che hanno stanziato fin dall’inizio miliardi di dollari con un programma di Quantitative Easing per acquistare 700 miliardi di dollari di titoli di stato e tagliato i tassi a zero.