Crea sito

AGRICOLTORI EUROPEI IN DIFFICOLTÀ

SITUAZIONE :

Da Huelva ad Amburgo  e da Newcastle a Napoli gli agricoltori europei stanno lottando per trovare persone che raccolgano frutta e verdura, che necessitano di essere raccolte a mano, di solito entro pochi giorni.

In genere si affidano tali mansioni a lavoratori stagionali dell’Europa orientale o dell’Africa settentrionale, ma i timori del coronavirus impediscono a centinaia di migliaia di  lavoratori migranti di uscire di casa per via dei controlli sui confini che bloccano molti di coloro disposti a fare il viaggio. Fragole e asparagi sono già stati lasciati marcire in Spagna, Italia e Francia meridionale.

PROBLEMA :

La preoccupazione è che anche le coltivazioni che vengono raccolte non raggiungeranno i  consumatori perché i mercati esterni sono chiusi e i collegamenti di trasporto sono incerti. “Le città potrebbero presto iniziare a mancare di frutta e verdura fresca”, ha detto Sebastien Heraud, un agricoltore nella regione della Dordogna nella Francia sudoccidentale e leader del Coordinamento Rurale.

LAVORATORI MANCANTI :

La Francia prevede che circa 200.000 lavoratori non si presenteranno quest’anno. Coldiretti, un’associazione di agricoltori italiani, stima che il paese sarà a corto di 100.000 lavoratori stranieri.

La Germania ha in genere 30.000 lavoratori agricoli migranti a marzo e 80.000 a maggio.

Giovedì, il paese ha chiuso i suoi confini ai lavoratori migranti al di fuori della zona di viaggio senza visto dell’Unione Europea. I problemi relativi agli agricoltori hanno reso molti nel settore preoccupati che gli acquirenti urbani dovranno presto affrontare carenze di produzione.

Con ristoranti, hotel e negozi chiusi a causa della pandemia, i governi sperano che le persone già coinvolte nei settori agricoli o gli studenti che affrontano mesi senza lezioni, riempiranno il vuoto. Il ministro francese dell’agricoltura Didier Guillaume ha chiesto a chiunque non abbia un lavoro di farsi avanti “così possiamo mangiare tutti”. 

* Articolo riadattato da Bloomberg